Peperoni: alleati del benessere

I peperoni, alleati del benessere

I peperoni, dei quali le nostre ricette in cucina possono godere soprattutto nel periodo estivo, sono originari dell’America del Sud ma sono reperibili anche nei paesi della fascia mediterranea.

La pianta che li produce appartiene alla famiglia delle Solanaceae come la patata, il pomodoro e la melanzana.

I peperoni possono rivelarsi importanti alleati della nostra salute: secondo recenti studi, infatti, possiedono dei notevoli effetti antitumorali inibendo la formazione di elementi cancerogeni.

Tuttavia, molte persone trovano il peperone un alimento poco digeribile: la causa potrebbe risiedere nella buccia del frutto oppure nelle quantità eccessive di solanina presenti anche in altri ingredienti della nostra dieta. Il nostro organismo può risultare infatti intollerante a questa sostanza.

Il modo migliore per non subire il fastidioso effetto indigesto della solanina è consumare il peperone come da stagionalità, ossia in estate. Inoltre, è sempre meglio preferire i peperoni rossi e gialli a quelli verdi.

Altra cosa da tenere a mente: al momento dell’acquisto i peperoni devono essere sodi, avere la pelle liscia e il picciolo. Una volta acquistati, possiamo conservarli in frigo per qualche giorno.

Gustosi e dal sapore ricco e inconfondibile, in cucina i peperoni si rivelano tra gli ingredienti vegetali più straordinariamente versatili: possiamo prepararli al forno, ripieni, grigliati, fritti. Insomma, tra i fornelli permettono davvero di liberare la fantasia.

 

I valori nutrizionali dei peperoni

Come molte verdure anche i peperoni sono ricchi d’acqua (ne contengono tantissima: addirittura più del 90%) e sono poveri di carboidrati, proteine e grassi.

Notevole è invece l’apporto in fibre, la cui presenza, assieme a quella degli antiossidanti, permette di combattere i radicali liberi. Inoltre, il potere saziante conferito dalle fibre al peperone lo rende un alimento particolarmente indicato nelle diete.

Molto importante è la presenza delle vitamine, in particolare: della vitamina C (100 g di peperoni ne contengono più di 120 mg) e della provitamina A (100 g di peperoni dalla buccia rossa possono contenerne fino a 3,5 mg).

Entrambe le vitamine aiutano a proteggerci da diverse malattie gravi come i tumori e le patologie del cuore. Ma non solo: secondo alcuni studi sembrerebbe che la vitamina C rappresenti un valido aiuto contro l’insorgere dell’artrite.

Ancora, altre ricerche documentano la presenza nel peperone della luteolina, una sostanza capace di rallentare l’invecchiamento delle cellule cerebrali e quindi di preservare la memoria.

Infine, l’apporto in vitamina E, beta-carotene e luteina aiutano a proteggere il benessere degli occhi e della vista.